fbpx

Responsabilità significa dover creare il futuro

Un monaco buddista ha detto:

Quando lavi i piatti, lava i piatti.

All’inizio, il pensiero zen di quel monaco mi appariva ovvio e privo di valore, ma a mano a mano che riflettevo acquistava sempre più significato.
Alla fine, l’ho tradotto in una frase molto significativa:

Quando hai un ruolo di responsabilità, esercitalo fino in fondo. E avere un ruolo di responsabilità significa dover creare il futuro.

(Gordon Sullivan, Ex Capo del Personale dell’esercito americano)

piatti

Tortura per bambini

Tranquilli non è come appare, ma solo un esperimento.

Tra la fine degli anni sessanta e l’inizio degli anni settanta, il ricercatore Walter Mischel cominciò a torturare metodicamente bambini di 4 anni alla scuola materna della Stanford University.
Più di 500 bambini furono iscritti al diabolico programma dai loro stessi genitori, molti dei quali, come milioni di altre persone, in seguito avrebbero riso senza pietà di fronte ai video dei poveri bambini che si dibattevano.

Il micidiale esperimento fu chiamato “test del marshmallow” e rappresenta un modo interessante di valutare la forza di volontà.

A ciascun bambino veniva offerto un dolcetto (il famigerato marshmallow), poi gli veniva spiegato che il ricercatore doveva uscire dalla stanza per 15 minuti. Se il bambino riusciva a resistere e a non mangiare il dolcetto fino al ritorno dello studioso, in premio ne avrebbe ottenuto un secondo.

Un dolcetto subito oppure due più tardi!

Lasciati da soli con un invitante e gustoso dolcetto (che non potevano mangiare), i bambini escogitavano ogni genere di strategia di differimento, dal chiudere gli occhi, al tirarsi i capelli, voltarsi, alzarsi e gironzolare, annusare, pesino accarezzare l’ambita preda.
In media resistevano meno di 3 minuti.

Schermata 2015-04-09 alle 13.20.58

Solo 3 su 10 erano in grado di ritardare la gratificazione fino al ritorno del ricercatore. Si capiva chiaramente che la maggior parte dei bambini aveva difficoltà con il differimento della ricompensa. La forza di volontà non era abbastanza durevole.

Dopo molti anni, Mischel cominciò a osservare sistematicamente i soggetti dell’esperimento, oramai adulti consapevoli. Le sue supposizioni si rivelarono corrette: la forza di volontà o l’abilità di differire la gratificazione era un indicatore importante del futuro successo del bambino.

Nei trent’anni seguenti i ricercatori pubblicarono numerosi studi su come i “differitori forti” se la fossero cavata meglio riscuotendo un maggior successo accademico, votazioni superiori alla media, maggiore autostima e migliore capacità di gestire lo stress.

Sul versante opposto, i “differitori deboli” sviluppavano la tendenza al sovrappeso nel 30% dei casi, più propensi allo stress e alle dipendenze in generale.

In altre parole, la costanza, la pazienza e la forza di volontà si dimostrano indispensabili per vivere una vita consapevole e di valore.

(Testo tratto e adattato da “Una cosa sola” di Gary Keller)

 

 

Love Has No Labels

Che cos’è l’amore?

La grande maggioranza di noi si considera una persona senza pregiudizi, ma è veramente così?

Purtroppo, anche senza volerlo, spesso giudichiamo gli altri sulla base di stereotipi e cataloghiamo il diverso in base al sesso, alla razza, alla… diversità appunto!

Provate a guardare questo video e poi rispondete di nuovo alla domanda:

che cos’è l’amore?

Visita il sito Web LoveHasNoLabels.com

Schermata 2015-03-05 alle 14.51.53

Il Marketing e le Identità Sociali

Le identità sociali (vedi: Teoria dell’identità sociale) sono molto importanti per chi si occupa di marketing, perché guidano i comportamenti delle persone e le spingono a compiere determinate azioni, a prendere decisioni, fare scelte più o meno importanti.

Alcuni di questi comportamenti rafforzano e sostengono il gruppo, l’unione tra le persone, altri invece provocano l’effetto l’opposto. Non a caso persone che fanno lo stesso lavoro comprano le stesse auto e leggono le stesse riviste.

Infatti come si può osservare quotidianamente, quando si tratta per esempio di comprare qualcosa, il gruppo con cui ci si identifica può influire in maniera determinante sulla scelta e sulle modalità d’acquisto.

Unity in the Community Logo2

Tutti abbiamo un’immagine di noi stessi, o un’idea su chi siamo, questa è la cosiddetta “concezione di sé“.
Di conseguenza un’identità sociale è quella parte della concezione di sé che deriva dalla nostra sensazione di appartenere a un gruppo e riguarda, per un verso, il modo in cui l’individuo considera e costruisce se stesso come membro di determinati gruppi sociali (nazione, classe sociale, livello culturale,etnia, genere, professione, e così via) e, per l’altro, il modo in cui le norme di quei gruppi fanno sì che ciascun individuo si pensi, si comporti, si relazioni con gli altri.
Se quindi come è certo l’identità sociale determina le decisioni e i comportamenti d’acquisto, le strategie di marketing di un’azienda dovrebbero incoraggiare i clienti a sintonizzarsi su un’identità affine ai propri prodotti o servizi.
La prima cosa da fare è cambiare prospettiva: non concentrarsi più sulle attitudini del singolo, ma sulla sua sfera sociale magari creando una community (tribù) o innescando comportamenti rituali che creano il senso di appartenenza.
Nell’era della connessione, della condivisione, delle relazioni digitali tutto ciò viene amplificato e diviene estremamente complesso da analizzare, ma allo stesso modo anche le opportunità si moltiplicano a dismisura.
community2
(Ripreso e adattato da HBR: Champniss, Wilson e Macdonald)

La storia della bambina sulla spiaggia

Una forte tempesta aveva gettato a riva tantissimi pesci, più di un milione che battevano con sofferenza le pinne sulla spiaggia.
Una bambina accortasi della situazione aveva iniziato a ributtarli in mare uno dopo l’altro senza sosta. Tutti quelli che riusciva a prendere finché erano ancora vivi.

Mentre la bambina si dava da fare, passò di lì un vecchio che le disse:

“Ma non lo vedi che sono un milione?
Tu potrai salvarne solo qualche decina, che differenza vuoi che faccia?”

La bambina lo guardò e sospirando:

“Per quel singolo pesce la differenza c’è!”

La differenza c’è, sempre!
Anche nelle piccole cose, la differenza la facciamo noi.

l-onda-suzy-lee-illustrazione