fbpx

Il miglior Edutainment è un libro

Sono certamente un Old-fashioned – come direbbe il mio grande amico Guido – ma sono abbastanza stufo dei bias confermativi che tendono a giustificare, più che a comprendere, i fenomeni in corso e il cambiamento dei comportamenti umani.

In questo periodo di quarantena spinta si leggono ovunque articoli sul grande valore dell’edutainment (education e entertainment) digitale per bambini e il rapporto tra gioco e conoscenza, anche detta Gamification del Sapere.
Non c’è dubbio che il fenomeno ha radici antiche, grandi educatori tra suoi precursori ed ottime fondamenta accademiche, per esempio un approccio al gioco fu teorizzato già nel 1732 da Benjamin Franklin, uno dei padri fondatori dei moderni Stati Uniti, a cui si deve una frase che forse racchiude il senso dell’edutainment: “Dimmi e io dimentico, mostrami e io ricordo, coinvolgimi e io imparo”.

Anche i muri ci ricordano che senza divertimento e senza passione non c’è apprendimento. 

Verissimo, chi potrebbe negare il contrario? La passione, la curiosità, anche il divertimento in un certo senso, spinsero Ulisse ad oltrepassare le colonne d’Ercole e andare alla ricerca di nuovi mondi da scoprire.

Però adesso basta con la retorica spicciola, perché altrimenti non riusciamo a cogliere i lati distorsivi di un fenomeno che parte con tutte le buone intenzioni, per poi finire ad arenarsi con i nostri bambini seduti ore su un divano a giocare alla Playstation.

Anche qui qualche chiarimento è d’obbligo: ci sono giochi, videogiochi, software che svolgono un ruolo molto importante nella crescita educativa dei nostri bambini; se oggi i bambini delle scuole elementari sono più “pronti” dei loro maestri nello svolgere le cosiddette attività di Smart Learning è dovuto certamente alla loro capacità adattiva e alle competenze digitali acquisite per esempio giocando a Minecraft o a code.org questo è indubbio ed è un fenomeno da coltivare e governare.

D’altra parte però non possiamo far finta di non vedere due nubi scure che si addensano sulle nostre teste e su quelle dei nostri bimbi:

  1. l’enorme giro d’affari sul mondo dei videogiochi e dell’intrattenimento per bambini e ragazzi
  2. l’abdicare da parte dei genitori del loro ruolo di guida e supporto

Partiamo dal primo punto, la montagna di soldi che gira intorno al mondo dei gamers. Sono un imprenditore e quindi non posso demonizzare le tantissime ottime aziende che fanno innovazione e spingono l’asticella sempre più in alto, ma sono anche un genitore e so che se non governo il fenomeno mio figlio verrà completamente rapito dal meccanismo.
Altra conseguenza ovvia che però va tenuta in considerazione è che l’industria della gamification e dell’edutainment (così come qualsiasi altra industria) lavora per legittimare ciò che produce, per promuovere i propri servizi, per convincere quante più persone è possibile a convertire i propri comportamenti per diventare suoi clienti.

Non sto dicendo che vengono veicolati messaggi sbagliati o non veritieri, dico però che se lo spot della Coca Cola tenta di convincerci a bere una bevanda gassata al gusto di cola, ciò non elimina le spiacevoli conseguenze di un consumo eccessivo.

Questo ci porta dritti dritti al secondo punto: qual è il ruolo che noi genitori siamo chiamati a svolgere?

Beh a questa domanda ognuno di noi deve rispondere in base alla propria condizione familiare, non esistono scelte giuste o sbagliate a priori. C’è chi è entusiasta che il proprio figlio sia un’eccezionale videogamer. C’è chi preferisce sedere i bambini sul divano davanti alla Playstation.
E c’è chi – senza negare l’importanza di crescere nuove generazioni capaci, pronte, smart – pensa che il miglior Edutainment, inteso come intrattenimento educativo e forma di intrattenimento finalizzata sia a educare sia a divertire, sia leggere un buon libro!

Internet Ergo Sum

L’utilizzo della rete ha cambiato il modo di pensare degli uomini?

Kevin Kelly | Giornalista e cofondatore Wired

Sappiamo bene che l’uso della tecnologia influisce sul nostro cervello. La capacità di leggere e scrivere è uno strumento cognitivo che cambia il modo in cui elaboriamo le informazioni. Quindi, se saper leggere e scrivere può cambiare il nostro modo di pensare, immaginate quanto il nostro cervello venga modificato da internet dalle 10 ore al giorno che passiamo davanti al PC.

Il Web è la mia carta e la penna, sono diventato più bravo a raccogliere informazioni. Ma la mia conoscenza è più fragile. Per ogni informazione che trovo c’è qualcuno pronto a dire il contrario. Ogni dato ha il suo antidato. Non ho più certezze. Invece di affidarmi a un’autorità, sono costretto a crearmi le certezze, non solo sulle cose che mi interessanto ma su tuttoquello che leggo.
In generale quindi mi capita di presumere sempre più spesso che quello che so è sbagliato. Un atteggiamento ideale per uno scienziato. La capacità di accettare l’incertezza è uno dei cambiamenti che ho subito.

L’incertezza ha dei tratti in comune con la liquidità, e ora anche il mio modo di pensare è più liquido. Non è statico, è fluido come una voce di Wikipedia. Cambio opinione più spesso. I miei interessi nascono e muoiono rapidamente. Sono meno interessato alla Verità e sempre più interessato alle verità.

Richard Dawkins | Biologo evoluzionista

Il Web è un’invenzione geniale, uno dei traguardi più alti raggiunti dalla specie umana. La sua qualità migliore è quella di non essere stato creato da un singolo genio, nè da una grande azienda, ma da una comunita anarchica composta da singoli e gruppi sparsi per il mondo. Le sue dimensioni sono sovraumane.
Internet è una rete che nessuno ha mai progettato, che è cresciuta in modo organico ma casuale, secondo princìpi non solo biologici ma specificamente ecologici.

L’inaspettata unificazione mondiale che il Web sta realizzando somiglia all’evoluzione del sistema nervoso degli animali pluricellulari. Una certa scuola di psicologia potrebbe considerarla il riflesso dello sviluppo della personalità dei singoli individui.

Douglas Coupland | Scrittore

Internet mi ha fatto accettare un livello di onniscienza che dieci anni fa era impensabile. A volte mi chiedo se Dio non si annoi a sapere tutte le risposte. Internet mi costringe a capire chi sono davvero e cosa c’è di unico in me, e naturalmente in chiunque altro. E questo mi piace.

Clay Shirky | Ricercatore

E’ troppo presto per capire se internet ha cambiato i nostro modo di pensare. I cambiamenti profondi si manifesteranno solo quando nuove forme culturali regoleranno quello che può fare la tecnologia.
L’influenza principale di internet sul nostro modo di pensare si rivelerà solo quando agirà sull’ambiente culturale, non solo sul comportamento dei singoli utenti.

Steven Pinker | Psicologo

Sono una persona che crede sia nella natura umana sia nei princìpi immutabili della logica. Quindi sono molto scettico sull’idea che internet stia cambiando il nostro modo di pensare. I mezzi di comunicazione digitali non modificheranno mai i meccanismi con cui il cervello elabora le informazioni nè sostituiranno il ragionamento diretto o il teorema delle probabilità di Bayes.

L’aspetto più interessante dello sviluppo di internet non è come sta cambiando il modo di pensare delle persone, ma come la rete si sta adattando al loro modo di pensare.

Jamshed Barucha | Psicologo

Nel bene e nel male la sincronizzazione dei pensieri e dei comportamenti favorisce la coesione di un gruppo. Internet sincronizza tra loro molte persone. La scoperta di nuovi strumenti ha sempre cambiato il nostro modo di pensare. Siamo esseri sociali, e internet è lo strumento sociale più potente con cui il cervello umano abbia mai lavorato.

La sua forza unificante non solo ha cambiato il modo in cui pensiamo a noi stessi e al mondo, ma ha fatto emergere una nuova forma di cognizione, che si verifica quando tante singole menti sono sincronizzate e intrecciate tra loro.

3d0 Web Agency

Come funziona Google?

Prima di effettuare qualsiasi azione di promozione online o attività di web marketing digitale bisogna conoscere gli strumenti che si vanno ad utilizzare.
Principio basilare di ogni strategia di successo. In particolare, oggi, qualsiasi marketer o web agency deve conoscere molto bene Google. Anche Facebook, le piattaforme di email marketing, bla bla bla, ok va bene ma soprattutto Google.

E allora diventa fondamentale porsi la domanda: come funziona Google?

Le risposte possono essere tante, perché tante sono le sfaccettature e i servizi offerti da Google, quindi a me piace rispondere a questa domanda non focalizzandomi su Google bensì sugli utenti, i veri protagonisti della nostra storia.
Partiamo da un esempio concreto.

Immaginate una persona che va sul motore di ricerca Google ed effettua la seguente ricerca: “pizza napoletana“.
Fatto? Bene.
Quindi avete capito come funziona Google? No?!?
Ok vi do un aiutino.
Questa generica persona in realtà sta cercando “pizza napoletana” tramite un dispositivo mobile, ha circa 25 anni e sono le 20.30 di un sabato sera di giugno. Così va meglio?
Secondo voi che cosa sta cercando questo utente? E quali sono i risultati di ricerca che Google gli mostrerà?
Beh molto probabilmente la persona in questione è in giro con gli amici e sta cercando un locale in cui mangiare una buona pizza napoletana, quindi Google gli mostrerà i siti web che hanno inserito nel proprio menu la pizza napoletana.
Se invece vi dicessi che la stessa ricerca è stata fatta alle 11 di mattina di un qualsiasi martedì di novembre da una persona di circa 40 anni attraverso un pc o un ipad, le cose cambiano?
Certo che sì! Cambia praticamente tutto!
Seguendo un ragionamento logico ci rendiamo conto di non essere più in presenza di un gruppo di amici alla ricerca di un locale in cui mangiare, ma siamo di fronte presumibilmente ad una donna che sta cercando la ricetta della pizza napoletana per farla in casa.
Di conseguenza bene fa Google a non mostrarle i locali e i pub, ma una serie di siti e blog di cucina in cui si spiega esattamente come cucinare un’ottima pizza napoletana.
Adesso forse è più semplice rispondere alla domanda iniziale: come funziona Google?

Google ha come obiettivo primario fondamentale quello di offrire agli utenti risposte quanto più pertinenti possibile in base alla ricerca effettuata, pertanto lavora per comprendere al meglio le intenzioni dell’utente, inserendole all’interno di un contesto geografico e temporale, ed offrendo loro, immediatamente, la miglior risposta possibile.

Da questo basilare concetto, unito al fatto che Google è una società che fa business (non dimentichiamolo mai), parte ogni altro ragionamento: come si ottimizza un sito web? Come si crea una campagna performante su Adwords? Come utilizzare Youtube (il secondo motore di ricerca al mondo) per il proprio business?
Google funziona beneEcco, Google funziona proprio così 🙂

SEO: classificare gli intenti di ricerca

A cosa serve la SEO? A fornire risposte utili e rilevanti a coloro che effettuano una ricerca.

Per questo motivo, per chiunque abbia voglia di realizzare una strategia seo, si rivela essenziale comprendere a fondo qual è l’intento di ricerca degli utenti, o in altre parole, cosa desiderano realmente trovare.
Deve essere chiaro a tutti che l’utente web quando effettua una ricerca su Google vuole trovare qualcosa di specifico, e non arrivare su una pagina qualsiasi.

Determinare l’intento di ricerca

Come prima cosa è utile effettuare una classificazione degli intenti di ricerca, capire quali sono le differenti tipologie di ricerca in modo tale da schematizzare e quindi semplificare la nostra analisi.
La ricerca può essere effettuata con l’intento di:

  • di navigazione
  • di informazione
  • transazionale

Ricerche con l’intento di navigazione

L’intento di ricerca di navigazione è quello di individuare un determinato sito web oppure una particolare pagina web, un forum, una directory, un portale o un blog. Spesso l’utente ha ben in mente il sito che vuole raggiungere ma non ne ricorda esattamente il nome oppure lo ha completamente dimenticato. O ancora non ricorda l’estensione del dominio di primo livello (.it o .com), quindi utilizza il motore di ricerca per agevolare la navigazione.
Pensiamo a tutti coloro che cercano su Google la parola “Facebook”: chi di noi non lo ha mai fatto?

Ricerche con l’intento di informazione

L’intento di ricerca informativo si configura quando l’utente cerca di individuare il contenuto relativo ad un determinato argomento, vuole apprendere una particolare nozione, in pratica si vuole informare su qualcosa.
Che tempo fa oggi? Qual è il risultato della partita? Quando parte il treno per Torino?
Il motore di ricerca qui viene usato come suggeritore di risposte.

Ricerche transazionali

L’intento della ricerca transazionale è finalizzato al compimento di un’azione: comprare un prodotto, chiedere informazioni su un servizio, registrarsi ad una newsletter, noleggiare un auto. L’utente in questi casi utilizza il motore di ricerca per trovare un sito web che possa offrirgli ciò che vuole comprare o a cui possa richiedere l’esecuzione di alcuni servizi.

Conclusioni per fare SEO

Come è facile immaginare la maggior parte delle ricerche sono di carattere informativo, circa 8 su 10 sono effettuare con l’obiettivo di reperire un’informazione, chiedere qualcosa, capire un determinato argomento. E solo 2 su 10 sono navigazionali o con l’intento di effettuare una transazione.

Capire cosa spinge gli utenti ad effettuare una determinata ricerca, le modalità utilizzate per scrivere la query e comprendere come Google reagisce a tali ricerche sono attività fondamentali per coloro che fanno SEO e sono certamente propedeutiche a tutte le operazioni tecniche on-page e off-page.

Prima è necessario capire e solo dopo si può agire, specialmente quando si fa SEO.

SEO e intento di ricerca

real people, digital inside

Non mi stancherò mai di dirlo: fra online ed offline non c’è differenza. Sono due parti della stessa cosa, due facce della stessa medaglia, inscindibili tra loro. L’una propedeutica all’altra, indissolubili.

Che cerchiamo a fare su Google “Ischia Terme” se poi non prendiamo il traghetto e ci andiamo a godere una splendida vacanza?
Perché stiamo sempre su Facebook se poi non usciamo e ci incontriamo veramente con le persone con le quali socializziamo?

Non ci può essere web senza le persone. Mi pare ovvio,nonostante la famossisima gag di Corrado Guzzanti e l’aborigeno con il quale non sapeve che ca… dirsi 🙂

Così come non ci può essere portale ecommerce senza colui che fa i pacchi e quell’altro che li spedisce. Non c’è booking online di un hotel (prima ho parlato di Ischia, ma anche di qualsiasi altra località) senza la cameriera che rifà le stanze. Non c’è portale senza chi si occupa del data-entry. Non c’è social network senza me che scrivo questa nota e tu che la leggi.

Tutto ciò determina che anche noi web agency non possiamo limitarci a realizzare siti web e piattaforme fatte bene, innovative, stabili, ma dobbiamo immedesimarci nelle persone che ci commissionano il progetto, capire la loro filosofia aziendale, percepire le reali esigenze. Non è facile, ma è l’unica strada per fare le cose fatte bene (checché ne dicano molti): il web è comunicazione, sociologia, economia, etnografia, spesso anche prima di essere informatica e cavi di rete (fondamentali, eh! ma non sufficienti).

Sono sempre le persone che determinano il successo o il fallimento di un progetto, e le persone non sono online o offline. Le persone sono persone che possono e devono essere digitali dentro, devono pensare ed agire secondo le regole del mondo attuale, sfruttare le potenzialità che abbiamo a disposizione.

Insomma, real people, digital inside!

Non solo le terme di Ischia...