Gabriele Granato | Marketing e Web

10 cose che i tuoi consumatori vorrebbero tu sapessi di loro

Conosci bene i tuoi consumatori? Le loro abitudini, esigenze e desideri?
Soprattutto se hai uno shop online, e non puoi quindi avere un rapporto “fisico” con i tuoi clienti, si rende necessario rispondere a queste domande ed approfondire gli usi e i costumi dei tuoi utenti online.

abbigliamento donna

10 cose che i tuoi consumatori vorrebbero tu sapessi di loro.

  1. Pensano che un servizio “buono” di qualità abbia un valore maggiore di un servizio “veloce”: 15 minuti di paradiso è meglio che 5 minuti di inferno.
  2. Amano le personalizzazioni: saranno molto lieti di pagare di più per avere un prodotto/servizio che è solo loro e di nessun altro.
  3. Ti ricorderanno se tu ti ricordi di loro: se riesci a ricordare il loro nome penseranno che avrai la stessa attenzione e dedizione anche nell’offrire loro il miglior prodotto/servizio.
  4. Ci sono poche cose di cui i clienti parlano più di una piacevole sorpresa: se riesci a catturare la loro attenzione sorprendendoli, saranno tuoi per sempre (se per esempio hai un negozio di abbigliamento da donna puoi regalare un foulard per ogni acquisto di un costoso tailleur).
  5. Creare valore con i clienti non è un’attività costosa: il concetto “Frugal WOW” è molto importante per le piccole aziende o gli store online.
  6. I consumatori rimarranno “attaccati” ai tuoi programmi di fedeltà: devi però dare loro un buon motivo.
  7. I consumatori amano le storie legate ai brand: ma riuscirai a vendere di più solo se l’utente percepisce che la storia è vera ed originale.
  8. Se stai provando ad innovare, i tuoi clienti fedeli sono una grande risorsa: molte ricerche hanno messo in evidenza la relazione tra i clienti acquisiti e l’innovazione aziendale.
  9. Vogliono vivere un’esperienza: vendere del “tempo” piuttosto che un prezzo basso è il miglior modo per dare valore al tuo brand.
  10. Se non parli di soldi, i clienti si sentiranno maggiormente al centro dell’attenzione: i consumatori non vogliono sentirsi un numero, ma delle persone.

 

About