Gabriele Granato | Marketing e Web

I Video nel Piano di Comunicazione Digital di un’Azienda

[Guest Post]
Questo articolo è stato scritto da Marco Ziero (link al suo blog personale), socio titolare e digital strategist di MOCA Interactive, agenzia di digital marketing con sede a Treviso.

Molto probabile che tu abbia già letto in giro di Periscope (qualora non fosse così, clicca qui); facile anche che tu l’abbia già installato nel tuo smartphone.
Ma non ti preoccupare, non scriverò l’ennesimo articolo che lo introduce e ne descrive le funzionalità. Ce ne sono pure troppi che si ripetono pure. Colgo invece lo spunto di quello che sto osservando per dare un punto di vista più ampio su video come mezzo di comunicazione rivolgendomi, come mio solito, più specificatamente alle aziende.

Facciamo un passo indietro a ciò che ha stimolato questo articolo.

Innanzitutto bisogna dire una cosa sul live broadcast: nulla di nuovo; ci sono un sacco di servizi, arrivati molto prima delle app per smartphone, che offrono da tanto tempo questa funzionalità (naturale che il mobile ne abbia fatto esplodere le possibili sfumature di utilizzo).
Poi dico una cosa su Periscope: concettualmente nulla di nuovo, piuttosto hanno lavorato efficacemente sull’interfaccia; il buzz attorno all’applicazione deriva principalmente da due questioni: (a) il fatto che Twitter ha limitato (quasi boicottato) l’utilizzo dell’app Meerkat, principale competitor di Periscope (b) il fatto che proprio Twitter si è comprata Periscope; ma guarda un po’. Molto gossip. Molto PR online, insomma.

Sta di fatto che Periscope rappresenta l’app del momento e, come per tutti gli altri hype, ci siamo buttati a capofitto nel fare live broadcast di qualsiasi cosa. Della serie “chi se ne frega del contenuto, è l’app del momento e ci dobbiamo essere per forza”.
Ora, tralasciando i tentativi mal riusciti di presunte star dell’internet, non mi preoccupa molto se il blogger di turno fa un paio di broadcast, prende qualche migliaio di cuoricini (sono come i like di Facebook) e poi passa alla prossima app del momento abbandonando l’ennesimo account (che poi nemmeno questo farebbe bene, dicono gli esperti di personal branding), piuttosto mi preoccupa di più se un’azienda decide di investire su un nuovo canale senza prima abbozzare una sorta di strategia.

C’è una cosa però che riconosco a Periscope, non tanto all’app quanto al buzz attorno alla stessa, che secondo me farà del bene: è tornata a porre l’attenzione sul tema del video. Dico “tornata” perché il video non è certo una novità però è da un paio di anni che lo si descrive quasi come la next big thing (quelle thing che restano con i piedi per terra, non lo paragono a big data, realtà aumentata e simili).
Il mezzo video è un aspetto nel quale credo molto ma che, come MOCA, ho iniziato ad esplorare (con entusiasmo) da poco tempo.
Ad ogni modo ho avuto il tempo di farmi un’idea di dove e come un’azienda potrebbe investire tempo nell’ottica di ricavare il meglio dai contenuti video.

Provo a buttare giù un po’ di appunti ordinati per canale.

Youtube

YouTube_logo_2013.svg

Ideale per il content marketing e per i contenuti “evergreen”, quelli che hanno vita lunga, che non necessariamente devono raccogliere tutta la loro visibilità entro poche ore dalla pubblicazione, quelli che risolvono un problema; tieni a mente che, tutto sommato, Youtube resta il secondo o terzo motore di ricerca più utilizzato al mondo.
Vedo ancora poco utilizzata la possibilità di video-rispondere ai commenti degli utenti e non parlo dei commenti associati al video dell’azienda; insomma, ci vorrebbe un po’ di proattività nello scavare tra le conversazioni degli utenti (potrebbero anche esserci spunti per nuovi contenuti).
Parlando di advertising, mi aspetto che le possibilità di segmentazione continuino con il trend che stiamo osservando da parecchio tempo, ovvero la capacità di intercettare uno specifico profilo di utenza con sempre maggiore precisione; ah, lo spot pubblicitario è meglio se lo fai di 29’’. 😉

Una nota: Youtube oramai lo si può vedere dalla televisione (basta pensare alle smart tv piuttosto che all’app di Apple Tv) per cui, quando pensi alla call to action in sovraimpressione, tieni a mente che dal divano la frase “Clicca qui” ha poco senso.

Facebook/Twitter

facebook-fusione-twitter

Ideali per lo storytelling, per raccontare la tua azienda; anche con delle pillole (visto il limite di 30″ di Twitter che, comunque, sono meglio dei 15″ di Instagram e dei 6″ di Vine): immaginando la volatilità di un tweet/status update, non andrei ad ingaggiare Ridley Scott per il contenuto da produrre. Li utilizzerei alla stessa maniera, addirittura postando il medesimo contenuto (nota: su Facebook non “incollare” il video da Youtube, caricalo direttamente sulla piattaforma: avrà molta più visibilità); non è il massimo ma teniamo a mente che le risorse non sono infinite.

Parlando di advertising:

  • di Facebook mi dispiace che, comunque, senza un minimo di budget pubblicitario anche il video soffre delle regole dell’algoritmo;
  • di Twitter mi piace che lo si può sottoporre all’attenzione di specifici segmenti di utenti targetizzando in maniera molto efficace (mi piace parecchio l’attuale grado di profilazione di Twitter).

Periscope

periscope

Sì, lo considero all’interno della strategia perché c’è interesse (adesso) e potenziale massa. Ma utilizzalo se devi fare veramente il broadcasting di qualcosa: pubblicare 15’ in streaming della passeggiata che ti porta dall’ingresso alla scrivania dell’ufficio non è interessante. Punto. Aspetti davvero interessanti dell’applicazione (emersi durante una chat con @maxpiz):

  • solo i primi duecento utenti che accedono al live hanno la possibilità di commentare; e questo mi dà un senso di esclusività, di correre ad entrare nel broadcast per prendermi il posto;
  • ogni nuovo broadcast viene comunicato mediante una notifica push (se abilitate). Anche questo aspetto gioca sulla leva del tempismo;
  • il broadcast può essere classificato come privato: questa eventuale strategia va comunicata specificando che il broadcast sarà disponibile solo per i follower (questo potrebbe incrementarne il numero);
  • la funzionalità della release 1.0.2 “follower only” potrebbe far vedere il vostro follow nei confronti di un utente come una sorta di premio/riconoscimento: questa opzione abilita il fatto che solo gli utenti che tu segui siano abilitati a commentare durante il broadcast;

Se a questi due punti unisco l’intimità del proprio smartphone e la possibilità, per l’azienda, di dare un’anteprima a contenuti extra, un po’ esclusivi, che magari si fa fatica a pubblicare un po’ ovunque, mi viene tanto in mente la newsletter e l’email marketing; quanto l’utilizzo che ne faccio in MOCA. Da qui ti lascio la palla per continuare con le riflessioni (anche se ci sono i commenti qui sotto, se vuoi).

Instagram

Lo menziono perché “devo” ma trovo i 15’ a disposizione troppo limitanti; se li sommo alla difficoltà per un brand, non top of mind, di avere un buon numero di follower, onestamente sarei per non considerarlo all’interno della strategia.

instagram-brand

About