Gabriele Granato | Marketing e Web

Costruire relazioni di valore 2.0

Il web 2.0, il marketing mobile, il search engine optimization, il social media management e chi più ne ha più ne metta. Tutti offrono la loro ricetta per farti fare un mucchio di soldi sulla rete.

Chi ti dice che essere in prima posizione su Google è fondamentale altrimenti non sei nessuno. Come non hai la fanpage su Facebook? E che campi a fare. Twittare è il verbo. E con una spruzzatina di online advertising ti compri la villa a Capri (o Carpi dipende dal budget).

Wow! Dice il piccolo imprenditore bolzanino o l’artigiano lucano. Ho sempre desiderato la villa a Capri (in alternativa anche Carpi mi sta bene).

Ed io che devo fare? Niente di particolare: firma il contratto, paga la fattura e poi facciamo tutto noi.

Tutto voi? Ottimo, intanto allora vado all’agenzia viaggi per prenotare i biglietti per Capri (mi hanno detto che online risparmierei ma non ne capisco niente; meno male che ci sono questi SEO guru social media evangelist che pensano a tutto).

Ehm… scusi… posso?

Ho inavvertitamente ascoltato la vostra discussione, mi scusi per l’intrusione, mi permetto di farle una domanda: ma se lei non costruisce una relazione di valore con i clienti come può pensare che stare in prima pagina su google le farà aumentare le vendite? Una semplice fanpage come aumenterà il suo fatturato? E soprattutto come avverrà tutto questo senza un suo – seppur minimo – intervento?

In fin dei conti, l’azienda è sua :-).

Le do un consiglio spassionato, non stia a sentire nessuno. Se ha un’azienda da più di 30 anni nessuno meglio di lei sa come si porta avanti un’impresa.

Sono nati strumenti innovativi ed è possibile utilizzare nuovi canali, ma l’obiettivo deve essere sempre lo stesso: dare valore alle persone, fare in modo che si fidino di lei, coinvolgere i clienti, ascoltarli, interpretarli, coccolarli.

Bisogna solo implementare la giusta strategia con gli strumenti messi a disposizione dalla rete e dalle nuove tecnologie: insomma deve continuare a fare il suo lavoro, costruire relazioni di valore, ma 2.0.

About 
  • Rubini cristiana

    tutti possiamo creare quello che ci viene richiesto, ma nessuno puu00f2 copiare un modo di fare . . . alla lunga il palco crolla sotto le gambe di chi usa una maschera . . .

    • Ciao Cristiana,u00a0ngrazie per il commento, sono completamente d’accordo con te 🙂

  • Anonimo

    Ciao Gabriele,ncomplimenti per la chiave di lettura molto originale. Almeno ogni tanto si vede spiegato lo stesso concetto ma in ottica diversa.

    • Ho sempre voluto che questo blog fosse libero da filtri e schemi mentali: ciu00f2 che penso, nel modo che lo penso, cosu00ec lo scrivo.. perciu00f2 sono ancor piu00f9 lieto che ti piaccia :)nGrazie mille

  • M Baricca

    Fare incontrare domanda e offerta di valore in modo comprensibile, chiaro e senza ricette da mago merlino u00e8 il trucco, la relazione e la capacitu00e0 di comunicare u00e8 la chiave che apre le porte, la professionalitu00e0 , il rispetto degli accordi e la definizione dei risultati attesi in funzione dell’investimento previsto il modo. 🙂

  • Eh, finchu00e8 saru00e0 pieno di sedicenti agenzie di comunicazione che propongono le cose nel modo che descrivi l’imprenditore u00e8 vittima piu00f9 che colpevole. No?nCiaonPier Luca

    • Eh giu00e0, purtroppo l’imprenditore u00e8 vittima di un sistema che non porta valore all’intero settore, ma che punta al guadagno facile e immediato.nMa – come ho scritto in un altro articolo – non dobbiamo lottare per avere la fetta piu00f9 grande, bensu00ec fare in modo che la torta cresca.nBisogna offrire la giusta consulenza, i servizi appropriati, dobbiamo fare in modo che l’imprenditoria (anche quella “tradizionale”) abbia FIDUCIA nei nuovi strumenti e canali.nIo ci credo. D’altra parte mi rendo conto che qualcuno si risenta perchu00e9 in questo modi su vanno a toccare grandi interessi.nChi vivru00e0 vedru00e0… 🙂